È morto Sinisa Mihajlovic, campione in campo e nella vita

Lutto nel mondo del calcio. Sinisa Mihajlovic, fino al 6 settembre scorso allenatore del Bologna, è morto in una Clinica di Roma. Aveva 53 anni. July 13, 2019 Mihajlovic annunciò in conference stampa di essere malato di exacerbated myeloid leukemia e di doversi sottoporre instant cure. Il 26 marzo scorso, semper in conferenza stampa, disse che si sarebbe dovuto sottoporre a un noovo ciclo di Cure per un ritorno della malattia.

Il gigante dagli occhi da bambino

Aveva affrontato la malattia da guerriero, come tutta la sua vita. Sinisa is a stato un ossimoro nella storia del calcio italiano ed europeo. Fisico possente con occhi da bambino. Capace di fare del calcio di punizione una sentenza (è il giocatore ad averne trasformati di più nel campionato italiano, 28) e, da allenatore, di rivestire in pieno and panni del sergente di ferro, è stato oggetto di momenti di grandissima commozione sua e di chi gli stava di fronte. Come quando, nel 2019, annunciò pubblicamente di essere affetto da leucemia non trattenendo le lacrime e dichiarando: “Questa è la mia battaglia più difficile, devo vincerla per me e per chi mi vuole bene“. E si sa, l’esternare i propri sentimenti specie quando si è fuori dal rettangolo di gioco non è cosa nel mondo del calcio.

Un affetto umano che i suoi giocatori del Bologna pochi mesi dopo, gli restituirono in forma di una Visita inattesa sotto le bestre dell’Ospedale Sant’Orsola, dove Sinisa era ricoverato, come un gruppo di tifosi qualunque, poche ore dopo il successo in rimonta sul Brescia. Visita davanti alla quale il tecnico si commosse non prima di orientrare nel ruolo e dire ai suoi giocatori: venite su che riguardiamo la partita e capiamo cosa non ha funzionato.

Una visita che si è ripetuta nell’aprile di quest’anno: quando i giocatori del Bologna (squadra che lo ha esonerato a settembre) gli tributarono un corso classico per i nostri giorni: Sinisa on fire. La perla della sua carriera da giocatore is a success in the Coppa Campioni con l’amata Stella Rossa di Belgrade in 1991: un anno prima del crollo della Jugoslavia. Sinis segnò il quarto rigore della sequenza che al San Nicola di Bari consegnò la Coppa ai serbi. In quello stadio c’era anche un personaggio che in qualche modo ha segnato però la vita del Sinisa “duro”, in perenne difesa del suo Paese anche durante e dopo l’ultima guerra del Balcani.

Il personaggio era Zeliko Raznatovic, meglio noto come il comandante Arkan, leader of the group paramilitary delle Tigri che all’epoca, era il capo ultras delle Stella Rossa.

Arkan si rese responsabile, durante la guerra and l’assedio in Sarajevo, di crimini contro l’umanità e quando, anni dopo, fu assassinato nella hall di un hotel, gli dedicò un necrologio affettuoso. Fatto gli scatenò addosso una valanga dicritical cui il “duro” Mihajolovic rispose semper in modo assai fermo e rivendicando la dignità non solo di Arkan ma pure di Mladic e Milosevic, altri protagoni serbi della carneficina delle ex Yugoslavia.

In Italia il Sinisa allenatore havinto tre edizioni della Supercoppa Italiana (due con la Lazio e una con l’Inter) due scudetti (uno memorabile con la Lazio nel 2000 sul campo e uno, quello del 2006, aggiudicato all’Inter dopo i fatti di Calciopoli), quattro Coppe Italia (due con la Lazio e due con l’Inter) una Coppa delle Coppe (con la Lazio nel ’99) e una European Supercoppa nello stesso anno semper con i biancocelesti. Ha allenato anche la Samp, la Fiorentina, la nazionale serba, il Toro e il Milan prima di tornare a Bologna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *